Look Back

Look Back!

Suona la sveglia e pensi che partirà la solita routine quotidiana.

Caffè, bagno, sigaretta e poi si parte con lo studio matto e disperato pre-esame.

Siamo sinceri, c’è un solo grande amico durante le sessioni invernali.

C’è sempre, disponibile come pochi e in grado di farti staccare dall’ennesimo libro di analisi raccontandoti i cazzi di tutti, dall’amico delle medie alla gaffe della star a 10.000 km di distanza.

Si, sto parlando di Facebook.

Non fare finta di essere sorpreso, so che ti sei immedesimato anche te nella descrizione qua sopra.

Oggi però è un giorno diverso.

Oggi Facebook  compie 10 anni.

Cominci a notare qualche link diverso dal solito.
A quanto pare, per festeggiarsi, hanno fatto un video interattivo in cui è possibile rivedere i migliori momenti vissuti anche grazie al social network.

C’è la foto del tuo cane, da piccolo, che ha ricevuto qualcosa come 120 like.

C’è la foto profilo che hai caricato 5 anni fa, quando ancora avevi i capelli , prima di iniziare a studiare meccanica razionale.

Bell’idea no? I tuoi personali 15 minuti di notorietà, che in realtà sono uno solo (e una manciata di secondi) da vedere e far vedere alle persone che hai vicino.

Perchè la cosa bella è proprio quella. Il riassunto di ciò che sei lo puoi vedere solo tu, se gli altri cliccano sul generico link che hai postato si ritroveranno il loro minuto di ricordi.

Ottima idea.

Già.

Poi però qualcosa cambia.

Aggiungono il pulsante condividi.

Cambiano le regole.

E allora tu, che volevi staccare un po’ la spina, ti trovi sommerso di video dei tuoi amici, ma anche di gente che conosci a malapena, che vuole un mi piace per foto che a te fondamentalmente non interessano, o forse si, ma non se ci sono così tanti video. Ognuno, coscientemente o meno, è diventato il protagonista di un immeso reality.

Non si tratta di 15 minuti, si tratta di ore e ore di pseudo notorietà.

Chiudi in fretta la pagina, impaurito da quella eccessiva dose di narcisimo.

Oggi si cambia.

Oggi mi iscrivo a Twitter.

Articolo di Simone Bellucci

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...