I Cani

I Cani – il tour

STREAMING DELL’ALBUM QUI

Sabato 23 Novembre 2013.

Inizia la preparazione per il concerto-evento de “i Cani” a Perugia.

Prima però,  grazie ai Becstrit Voice, abbiamo avuto la possibilità di intervistare telefonicamente Niccolò Contessa, ideatore di questa One Man Band.

I Cani è il nome dietro cui Niccolò si è nascosto due anni fa, quando , grazie al tam tam della rete, è diventato un fenomeno musicale italiano grazie a “il sorprendente album d’esordio dei cani”

il sorprendente album d’esordio dei Cani

Autodefinendosi “l’ennesimo gruppo pop romano”, Niccolò attraverso testi taglienti abbinati a ritmi quasi elementari, parlava della sua generaziona e di Roma, la sua città.

Dopo due anni, è tornato con un nuovo album (Glamour, che potete ascoltare in streaming integrale su You Tube grazie al link sopra) in cui cambia il suo stile ma non le riflessioni che riesce a suscitare ascoltando i suoi testi.

Ciao Niccolò e grazie mille per questa intervista nonostante la quantità di interviste già fatte con testate e con programmi radiofonici più famosi

Forse non ti ricorderai di me (Simone), ma ti ho già intervistato due anni fa in occasione del concerto a Foligno, quindi è un risentirci più che un conoscerci.

Complimenti per il nuovo CD, meno immediato del precedente forse, ma molto più sfaccettato e studiato, più maturo.

Questa sarà un’intervista probabilmente poco obiettiva, siamo tutti fan del tuo lavoro e saremo in prima fila questa sera all’Urban, ma in questo modo potremo approfondire chi sta dietro al fenomeno “Cani”.

Partiamo con la prima domanda: Sappiamo (ce lo dici te nel disco e in altre interviste l’hai confermato) che per un po’ hai lavorato come impiegato dopo il primo album… com’è il ritorno sul palco?

E’ stato un ritorno molto positivo, avevo e avevamo un po’ paura del palco, come succedeva nel vecchio tour, ma fortunatamente la risposta di tutti coloro che sono venuti è stata molto positiva. Sono contento di aver ritrovato il live dopo un periodo di inattività

Su ogni copertina di ogni giornale in cui sei stato intervistato, compare una foto di te che ti stai togliendo la busta dalla faccia (uno dei simboli dei cani di due anni fa per chi non lo sapesse).

Significa che sei pronto ad essere te stesso e non una generica one man band?

Si, ormai la storia dell’anonimato non aveva più senso, bastava cercare su internet per scoprire nomi e cognomi quindi era da stupidi continuare a far finta di non avere un volto. E’ inoltre vero che mi sentivo pronto per essere me stesso, non una voce dietro ad un nome inventato.

Diciamo che l’anonimato è cessato nel tuo caso quando hanno fatto una pagina su wikipedia su di te.

Si,direi proprio di si.

Quando (non ti dico se perchè tutti già sperano in un seguito) uscirà il terzo disco, vedremo per intero la tua faccia su repubblica Xl o su RockIT?

Probabilmente si, sarà l’affermazione della persona fino in fondo.

Le tue canzoni sono infarcite di citazioni e anche nelle tue interviste citi molto artisti non noti ad una buona parte dei ragazzi e ragazze che vengono ai tuoi concerti. Stai provando ad “educare” il tuo pubblico?

Più in generale mi piace inserire riferimenti nelle mie canzoni senza essere scontato, però è un processo naturale nella scrittura di un testo, se gli altri imparano cose nuove dai miei testi.. meglio. Ma è una conseguenza, non una cosa studiata a tavolino.

Le critiche, come nel caso del primo album, sono state o bianche o nere. Il tuo lavoro è o odiato o amato, quanto del successo dei Cani dipende da questi estremismi secondo te?

Di sicuro soprattutto nel caso del primo CD sono state più le critiche che le opinioni positive a far si che il nome de “I Cani” fosse conosciuto nel panorama musicale italiano. Più in generale fa parte del gioco ricevere delle critiche e il fatto che si parli del CD è sempre positivo.

A tal proposito… ho letto l’intervista di VICE (a chi non l’avesse letta consiglio di recuperarla, è clamorosa, la trovate qua) e dal confronto tra te e il blogger, perchè di confronto si tratta, risulti vittorioso… ma da quello che ho intuito il tuo rapporto con VICE è sempre stato “particolare”. Lo citi in lexotan, in cui dichiari di non averne bisogno, e anche nella ghost track cantata da Bordone, 2033 .. Come mai c’è questo rapporto di Odio e amore?

L’intervista in realtà è stato semplicemente un confronto tra il sottoscritto e una persona che non apprezzava particolarmente questo tipo di musica. Fa parte del modo di essere di VICE esagerare ogni cosa, se la stessa intervista fosse stata pubblicata in un altro blog o in un giornale, non sarebbe apparsa così estrema.

Come avrai notato non ti abbiamo fatto domande su particolari canzoni, il web già abbonda di recensioni e interviste focalizzate su Glamour.

Ultima domanda, stasera ci sarà qualche nuova cover?

Cover nuove no, ma ci saranno una serie di sorprese a livello scenico.

Grazie mille per la disponibilità e buon live, ci vediamo questa sera!

Grazie a voi.

La sera stessa, per chi si fosse perso il live, la situazione è stata la seguente

1424541_560745004000627_494305302_n (1)

L’intervista integrale è andata in onda Sabato 23 Novembre 2013 durante la trasmissione Becstrit Voice, su Radio Gente Umbra.

redazione NMP

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...