Italian Policy

stereotipo

( scritto con il sottofondo: TEMPO REALE – FRANCESCO DE GREGORI)

“Paese di terra, terra di cani
Paese di terra e di polvere
Paese di pecore e pescecani
E fuoco sotto la cenere
Dentro le stanze del Potere l’Autorità
va a tavola con l’anarchia
Mentre il ritratto della Verità si sta squagliando
e la vernice va via
E il Pubblico spera che tutto ritorni com’era
che sia solo un fatto di tecnologia
E sotto gli occhi della Fraternità
la Libertà con un chiodo tortura la Democrazia”

Per brevità chiameremo l’autore di questo pseudo sonetto, artista, noto come De Gregori, celebre per l’uso pungente di ogni singola parola che scrive e canta, colui che narra la storia della nostra povera Italia da venti anni. Lui ne ha vista passare di acqua sotto i ponti e le sue canzoni ripercorrono la decadenza di un Paese che dall’apogeo ha raggiunto il capolinea. Derisi dal mondo intero, “carretto d’Europa”,  sempre più spesso sottovalutati e mira degli altri paesi. Un paese in cui un crimine efferato fa notizia e possiede una ridondanza tale da condurre all’esasperazione. Un paese dove tutto è possibile, ma frequentemente è il contrario che avviene. Quello in cui la classe politica che in linea teorica dovrebbe rappresentarci è tutta d’un pezzo, ma ogni singolo rappresentante ha un prezzo, che può essere pagato affinché si possa godere di alcuni “favorucci”, rendendo privo di valore tutto il resto. Ci stanno distruggendo con le loro scelte e non ce ne stiamo accorgendo. O forse ce ne accorgiamo, ma non siamo ancora pronti a schierarci o a combattere risolutamente per giungere alla fine di questo periodo buio, una sorta di Medioevo, incentrato sulla tecnologia. Intercettazioni, scambi di sguardi, cause, capi di accusa: questo è quello che ci rappresenta. Non più l’arte, la poesia, il viaggio e il miraggio. La certezza del corretto e leale non esiste più, ci sono solo corruzione e malessere che si aggirano nel Bel Paese. Risolleviamoci, allora.

Ma prima che ne dite di uno spuntino?

(articolo di TAMARA VITALI – di cui consigliamo anche la lettura di: Facebook, twitter, instagram e altri giochi da tavola )

Annunci

One thought on “Italian Policy”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...